Del penetrale di quest’anima

Fàtiche parole
da questi professori,
niente tuonante:
risonanza simpatetica
con teste vuote.

Vento freddo
sull’alba di una montagna
ci attaccherà il costato,
e tremeremo di folle gioia
per questo mondo.

Giacomo Ferrazzini